La storia della Razza

La storia della Pezzata Rossa Italiana (P.R.I.) è costellata di momenti importanti che ne hanno determinato l’indirizzo selettivo in risposta alle esigenze dei suoi allevatori. Storicamente la “duplice attitudine latte-carne” ha rappresentato la tipologia d’animale in linea con la vocazione produttiva della sua zona d’origine, il Friuli, ed ha permesso la diffusione della razza in altre zone d’Italia dove spesso le condizioni d’allevamento sono difficili.
Verso la fine dell’800, su tutto il territorio friulano, si diffusero le Latterie Turnarie, cooperative d’allevatori nate con lo scopo di trasformare il latte prodotto dai soci; ciò rese necessario il miglioramento dell’attitudine lattifera. La Commissione Zootecnica della Provincia di Udine iniziò il miglioramento del bestiame locale introducendo prima tori lodigiani e meranesi, poi friburghesi ed infine nel 1884 tori Simmental. L’affermarsi di questo incrocio non fu semplice, soprattutto per l’iniziale ostilità di molti che contestarono l’ingentilimento delle forme derivante dall’utilizzo di questi tori. Alla fine, la maggiore redditività portata dall’equilibrio tra le tre attitudini permise l’affermazione definitiva di questo incrocio.
Agli albori il bovino Pezzato Rosso era allevato per la triplice attitudine lavoro-carne-latte, dove l’attitudine dinamica era quella principale. Si distingueva per rusticità, adattabilità e buona attitudine dinamica data da un forte sviluppo scheletrico e da articolazioni robuste, caratteristiche che gli avvalsero l’appellativo di “Bue Cavallo”.


PR_famiglia

Foto: Spaccato di vita contadina ad inizio 900 in Friuli V. G.

 

Negli anni le innovazioni tecnologiche (diffusione della meccanizzazione in agricoltura) e il modificarsi delle richieste di mercato e delle necessità degli allevatori determinarono l’individuazione di nuovi obiettivi di selezione che portarono ad un cambiamento delle caratteristiche di questa razza. Oggi la Pezzata Rossa Italiana è una razza a duplice attitudine “latte e carne”, moderna e versatile, in grado di dare adeguate risposte agli allevatori sia in termini di prestazioni produttive latte e carne, performance connotate da notevoli livelli qualitativi, sia relativamente agli aspetti di fitness e rusticità. Elevata fertilità, basso contenuto in cellule somatiche, resistenza alle mastiti e alle malattie in generale, ed una elevata rusticità rendono questa razza particolarmente adatta ad essere allevata in qualsiasi contesto produttivo.
Ormai diffusa in tutta la penisola, è prevalentemente presente in zone di montagna, allevata in strutture di dimensioni medio piccole. Le sue caratteristiche di animale pascolatore dalla notevole rusticità lo rendono particolarmente adatto a sistemi di allevamento biologico, razza che, grazie alla sua natura di animale a duplice attitudine, può essere definita a basso impatto ambientale poiché con un stesso animale è possibile ottenere sia latte che carne sfruttando al meglio ciò che natura offre.
 

06-05-2011_IT093990074289_Rigutto_GRANADO_89_st

Foto: Una splendida bovina Pezzata Rossa attuale.

(figlia del toro Granado)

 

Il documento completo è disponibile in formato pdf  all'inizio della pagina.

 

Allegati:
FileDimensione del File
Scarica questo file (Storia.pdf)Storia1294 Kb
Abbonati alla PEZZATA ROSSA
 
UE MIPAF AIA 
Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy
x